Legge sui Cookie, il tuo sito è a norma?

Legge sui Cookie, il tuo sito è a norma?

Come molti di voi già sapranno, tra poco più di dieci giorni entrerà ufficialmente in vigore la cosiddetta legge sui Cookie, provvedimento approvato un anno fa dal Garante della Privacy italiano e pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 3 giugno 2014. Chiunque disponga di un sito web pubblicamente accessibile, deve ottemperare ad una serie di obblighi in materia di gestione ed utilizzo dei cookies, per chi non ottempera ci sono multe che vanno dai 6.000 ai 120.000 euro. Secondo il Garante è necessario che gli utenti siano consapevoli dei cookie che vengono utilizzati da ciascun sito web italiano, e che vengono istallati sui loro terminali, soprattutto quando vengono utilizzati i così detti cookie di profilazione, ossia quelli che costruiscono profili a scopo pubblicitario. Poiché le multe sono veramente spropositate, da qualche settimana si è scatenata una sorta di isteria collettiva, cerchiamo quindi di fare un po di chiarezza in questo articolo.   Cosa sono i cookie? I cookie sono piccoli file di dati che vengono memorizzati all’interno del browser quando visitiamo un sito web con il nostro pc, smartphone o tablet. L’obiettivo dei cookie è quello di migliorare la fruizione di un sito internet,  pensiamo ad esempio al cookie che tiene traccia dei prodotti inseriti,  in un “carrello della spesa elettronico” quando acquistiamo qualche cosa su un sito E-commerce. I Cookie Tecnici, ossia quelli che servono al sito per funzionare correttamente, sono molto utili e alcune volte indispensabili, ai fini della corretta fruizione di un qualunque sito internet. I Cookie di Profilazione invece sono quelli utilizzati ai fini pubblicitari, costruiscono un vero e proprio profili dell’utente che visita il sito, che permette successivamente...
Sapevate che Apple è l’azienda più ricca del mondo?

Sapevate che Apple è l’azienda più ricca del mondo?

Apple è l’azienda più ricca del mondo, l’azienda di Cupertino è diventa la prima azienda nella storia di Wall Street a superare il valore di 750 miliardi di dollari e questo vuol dire che l’azienda fondata da Steve Jobs nel garage di casa vale quasi quanto il pil dell’Olanda e più di quello dell’Arabia Saudita. Adesso il valore di Apple è quasi il doppio rispetto a quello ad altri colossi del mondo informato come Microsoft (che vale circa 399 miliardi di dollari), e come Google (che vale circa 366 miliardi di dollari). Un dato in particolare che mi ha colpito è che da quando Apple è stata quotata in Borsa nel lontano dicembre 1980, la capitalizzazione di mercato è cresciuta del 50.600%. Ma quale sarà il futuro di Apple? Questa è una domanda che Tim Cook, il numero uno di Cupertino,  si è sicuramente posto e a cui deve aver dato una risposta, annunciando un nuovo ambizioso progetto di Apple, pronta a sbarcare nel settore delle energie rinnovabili. Avete capito bene, Apple si occuperà anche di energia pulita, con la costruzione di un enorme impianto per la produzione di energia solare a Monterey in California del costo di 850 milioni di euro! E la corsa di Apple, secondo molti analisti, non è finita qui, con le azioni del gigante di Cupertino che continuano a crescere, e pensare che quando Steve Jobs presentò il primo iPhone, il valore di Apple si attestava sui 75 miliardi di dollari, come cambiano le cose...
Google MobileGeddon – il tuo sito internet è pronto?

Google MobileGeddon – il tuo sito internet è pronto?

E’ notizia di questi giorni che Google, il motore di ricerca più usato al mondo (in Italia più del 90% delle ricerche vengono effettuate con Google), ha lanciato il nuovo algoritmo di ricerca per premiare nei risultati i siti web ottimizzati per i dispositivi mobile. Questa è sicuramente una vera e propria rivoluzione dettata dal cambiamento dei tempi, ormai il 60% circa delle ricerche su Google viene effettuato da dispositivo mobile (tablet e smartphone), segno che qualche cosa è cambiato nel mondo di internet.  Google di solito non comunica le modifiche dei suoi algoritmi, accade sempre che gli esperti se ne accorgano dopo qualche giorno, mentre in questo caso ha dichiarato pubblicamente il cambio di algoritmo permettendo ad Agenzie e SEO Specialist di adottare le opportune modifiche ai siti web che gestiscono. Ma cosa cambia in concreto? Con questa operazione Google cambierà per sempre i risultati di ricerca, chi ha investito in un sito responsive e mobile friendly avrà maggiori possibilità si essere posizionato in prima pagina su Google. Questo significa che coloro che non hanno ancora adottato le opportune tecniche per rendere i propri siti mobile-friendly potrebbero essere drammaticamente penalizzati, perdendo le posizioni conquistate nei motori di ricerca a scapito dei siti web più aggiornati; è chiaro che per molte aziende la perdita di posizioni nella SERP di Google si trasforma immediatamente in un danno economico di grande entità. Pensiamo ad esempio ad un Hotel che è posizionato con la parola chiave “Hotel + la città”, perdere questo tipo di posizionamento comporta una diminuzione immediata di prenotazioni e quindi un danno economico enorme. Naturalmente tutte le grandi aziende italiane e straniere già da tempo si sono adoperate...
Amazon potrebbe aprire in Ciociaria

Amazon potrebbe aprire in Ciociaria

Amazon, il colosso statunitense dell’e-commerce, potrebbe aprire in Ciociaria un polo logistico di grandi dimensioni. Ovviamente non c’è ancora nulla di definitivo e forte è la concorrenza di altre zone del centro Italia per accaparrarsi questa grande opportunità economica (soprattutto la concorrenza della provincia di Rieti). Il consorzio per lo sviluppo industriale di Frosinone (Asi) sta facendo del tutto per cercare di far insediare in provincia di Frosinone questo enorme polo logistico, che secondo le indiscrezioni dovrebbe portare in una prima fase 500 posti di lavoro, per arrivare a pieno regime a 1000 assunzioni. Si parla di un investimento complessivo che si aggira intorno ai 70 milioni di euro, una vera e propria boccata d’ossigeno per la Provincia di Frosinone che, da diversi anni, sta vivendo una grave crisi economica ed occupazionale. Del resto la scelta di Frosinone, con ben 3 caselli autostradali (Frosinone – Ferentino – Anagni) nel raggio di poco più di 10 km e del collegamento con la superstrada verso Sora, sarebbe strategica per l’azienda di Seattle che ha bisogno di un magazzino nei pressi di Roma che si occupi delle vendite nel centro sud. La speranza per tutti gli abitati della provincia di Frosinone è che la trattativa possa andare in porto entro i prossimi...
Antitrust UE contro Google

Antitrust UE contro Google

Tutti voi avrete sicuramente sentito in questi giorni dei problemi che Google sta avendo con l’Antitrust dell’Unione Europea, la Commissione europea ha infatti rivolto al colosso una accusa ben precisa: abuso di posizione dominante nel mercato delle ricerche web   Google ha il dominio assoluto delle ricerche web in Italia e in generale in tutta Europa con una percentuale che si attesta intorno al 90%, e fin qui nulla da segnalare, in quanto ci troviamo in un libero mercato (o almeno questo è quello che dicono, poi vai a vedere…). L’accusa che viene rivolta a Google riguarda il fatto che userebbe questa posizione dominante nel mercato delle ricerche web per favorire altri suoi prodotti a scapito della concorrenza. La commissione Antitrust ha messo sotto accusa soprattutto il nuovo servizio che l’azienda di Mountain View ha messo a disposizione da qualche mese, ossia Google Shopping, che nelle ricerche è più in evidenza rispetto agli altri concorrenti che propongono prodotti da acquistare. In pratica Google riserva posizioni secondarie ai concorrenti mentre Google Shopping è sempre in evidenza, vedi immagini.   Google Shopping Sistema Google Shopping Visualizzazione Google Shopping   Effettivamente ad una prima occhiata, ogni qual volta si effettua una ricerca al fine di acquistare un qualsiasi prodotto, Google Shopping è sempre presente in prima posizione e questo influisce notevolmente sulla concorrenza che si trova in posizioni secondarie, concorrenza che tra l’altro paga sempre Google per comparire tramite gli annunci (Google Adwords). Faccio anche presente che anche per il mercato delle ricerche in ambito turistico (il classico caso in cui voi cercate un albergo per andare in vacanza) Google ha introdotto un sistema...
Contattami su WhatsApp!