Web Agency a Frosinone: cosa possiamo fare per te

Web Agency a Frosinone: cosa possiamo fare per te

  Web Agency a Frosinone: cosa possono fare per te Le web agency a Frosinone e dintorni sono un fenomeno relativamente nuovo, per certi versi ancora “di nicchia”, ma destinato a rivestire un’importanza sempre più cruciale nella vita degli imprenditori locali. La pubblicità corre sul web Se è vero, infatti, che la pubblicità è l’anima del commercio, è altrettanto vero che la natura e i mezzi di diffusione delle campagne pubblicitarie sono profondamente mutati nel corso degli ultimi anni. Il trasferimento progressivo di gran parte della comunicazione dalla carta stampata alle pagine Internet (pensiamo alla drastica riduzione delle vendite di giornali!) si riflette inevitabilmente sul tenore dei messaggi promozionali, che devono adeguare linguaggio e contenuti al nuovo media. A questo “aggiustamento” provvedono le web agency: aziende che – con un team di esperti in marketing, informatici, SEO specialist (link), grafici e copywriter – si fanno carico di elaborare e attuare piani advertising efficaci per le imprese, mediante la creazione di siti, blog e profili social. Cosa puoi chiedere a una web agency (e cosa no) In generale, tra i servizi offerti da una buona web agency – alla lettera, ‘agenzia per la rete globale’ –, non dovrebbero mancare: Preliminare Indagine di Marketing e Individuazione del Target di riferimento Analisi Competitiva del Web Progettazione e Realizzazione di Siti, e-commerce, profili social e blog SEO e Posizionamento sui Motori di ricerca Attività di Web Marketing e Web Social Marketing Campagne Adwords (eventuali) Corsi di Formazione per Clienti Le web agency svolgono, quindi, un lavoro complesso di analisi e studio del “caso”, prima di arrivare alla promozione vera e propria di un’attività,...
Legge sui Cookie, il tuo sito è a norma?

Legge sui Cookie, il tuo sito è a norma?

Come molti di voi già sapranno, tra poco più di dieci giorni entrerà ufficialmente in vigore la cosiddetta legge sui Cookie, provvedimento approvato un anno fa dal Garante della Privacy italiano e pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 3 giugno 2014. Chiunque disponga di un sito web pubblicamente accessibile, deve ottemperare ad una serie di obblighi in materia di gestione ed utilizzo dei cookies, per chi non ottempera ci sono multe che vanno dai 6.000 ai 120.000 euro. Secondo il Garante è necessario che gli utenti siano consapevoli dei cookie che vengono utilizzati da ciascun sito web italiano, e che vengono istallati sui loro terminali, soprattutto quando vengono utilizzati i così detti cookie di profilazione, ossia quelli che costruiscono profili a scopo pubblicitario. Poiché le multe sono veramente spropositate, da qualche settimana si è scatenata una sorta di isteria collettiva, cerchiamo quindi di fare un po di chiarezza in questo articolo.   Cosa sono i cookie? I cookie sono piccoli file di dati che vengono memorizzati all’interno del browser quando visitiamo un sito web con il nostro pc, smartphone o tablet. L’obiettivo dei cookie è quello di migliorare la fruizione di un sito internet,  pensiamo ad esempio al cookie che tiene traccia dei prodotti inseriti,  in un “carrello della spesa elettronico” quando acquistiamo qualche cosa su un sito E-commerce. I Cookie Tecnici, ossia quelli che servono al sito per funzionare correttamente, sono molto utili e alcune volte indispensabili, ai fini della corretta fruizione di un qualunque sito internet. I Cookie di Profilazione invece sono quelli utilizzati ai fini pubblicitari, costruiscono un vero e proprio profili dell’utente che visita il sito, che permette successivamente...
Google MobileGeddon – il tuo sito internet è pronto?

Google MobileGeddon – il tuo sito internet è pronto?

E’ notizia di questi giorni che Google, il motore di ricerca più usato al mondo (in Italia più del 90% delle ricerche vengono effettuate con Google), ha lanciato il nuovo algoritmo di ricerca per premiare nei risultati i siti web ottimizzati per i dispositivi mobile. Questa è sicuramente una vera e propria rivoluzione dettata dal cambiamento dei tempi, ormai il 60% circa delle ricerche su Google viene effettuato da dispositivo mobile (tablet e smartphone), segno che qualche cosa è cambiato nel mondo di internet.  Google di solito non comunica le modifiche dei suoi algoritmi, accade sempre che gli esperti se ne accorgano dopo qualche giorno, mentre in questo caso ha dichiarato pubblicamente il cambio di algoritmo permettendo ad Agenzie e SEO Specialist di adottare le opportune modifiche ai siti web che gestiscono. Ma cosa cambia in concreto? Con questa operazione Google cambierà per sempre i risultati di ricerca, chi ha investito in un sito responsive e mobile friendly avrà maggiori possibilità si essere posizionato in prima pagina su Google. Questo significa che coloro che non hanno ancora adottato le opportune tecniche per rendere i propri siti mobile-friendly potrebbero essere drammaticamente penalizzati, perdendo le posizioni conquistate nei motori di ricerca a scapito dei siti web più aggiornati; è chiaro che per molte aziende la perdita di posizioni nella SERP di Google si trasforma immediatamente in un danno economico di grande entità. Pensiamo ad esempio ad un Hotel che è posizionato con la parola chiave “Hotel + la città”, perdere questo tipo di posizionamento comporta una diminuzione immediata di prenotazioni e quindi un danno economico enorme. Naturalmente tutte le grandi aziende italiane e straniere già da tempo si sono adoperate...
Obblighi legali per i proprietari di siti internet

Obblighi legali per i proprietari di siti internet

Avere un sito internet comporta tutta una serie di obblighi legali che spesso e volentieri non vengono presi in considerazione, questo perché talvolta si pensa a internet come ad un mondo privo di regole dove si può fare ciò che si vuole senza avere problemi (e per certi versi è anche vero!), però la realtà è ben diversa in quanto essere titolari di un sito web comporta alcuni obblighi legali stabiliti dalla Legge Italiana e dall’Unione Europea. In particolare, se siete i proprietari di un sito internet di presentazione, o un e-commerce, verificate sempre che sia pubblicata la PARTITA IVA in home page, questo è infatti l’obbligo più importante, e vale per tutti i possessori di Partita IVA. Nel mio lavoro mi è capitato spesso di vedere siti internet aziendali, o comunque di possessori di P.IVA, privi di questo importante dato e mi sono sempre chiesto come sia possibile una cosa del genere, in quanto in caso di omissione, è prevista una sanzione che varia da un minimo di €258,00 Euro ad un massimo di €2.065,00. Per quanto riguarda le società di capitale S.r.l. e S.p.A è obbligatorio riportare sul proprio sito web, e anche sulle pagine societarie sui social network  (Facebook, Twitter…ecc) alcune informazioni quali: Ragione Sociale Indirizzo/Sede Legale della Società Iscrizione al registro delle imprese Capitale effettivamente versato e risultante dall’ultimo bilancio Eventuale stato di liquidazione in seguito a scioglimento In caso di SpA o di Srl, se la società ha un socio unico. Per i trasgressori ci sono anche in questo caso pesanti sanzioni (da € 206,00 ad un massimo di € 2065,00), quindi è bene fare attenzione. Nel sito web, specie gli ecommerce,...
Contattami su WhatsApp!